Bonafede risponde al Question time alla Camera dei Deputati

FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha risposto a tre interrogazioni durante il Question time alla Camera dei Deputati.

In risposta all’interrogazione del deputato Francesco Lollobrigida in materia di magistratura onoraria, il Guardasigilli ha chiarito che “la magistratura onoraria rappresenta un vero e proprio pilastro del sistema giustizia. Il testo di riforma in discussione in Commissione Giustizia prevede, allo stato, un regime di doppio binario con possibilità per i magistrati onorari già in servizio al momento dell’entrata in vigore della legge Orlando di scegliere tra lo status attuale, con previsione di pagamento cd “a cottimo”, oppure di optare per il pagamento di una indennità fissa che è stata innalzata rispetto alla legge Orlando”.

Replicando, invece, al quesito della deputata Mariastella Gelmini riguardante la riforma del procedimento penale, Bonafede ha sottolineato come la riforma del processo penale “non comporterà alcun sacrificio quanto ai diritti e alle garanzie delle parti. La volontà della maggioranza è quella di portare la riforma del processo penale all’attenzione del Consiglio dei Ministri alla prossima seduta”.

Rispondendo, infine, all’interrogazione del deputato Riccardo Molinari sulla situazione del Tribunale di Roma, il Guardasigilli ha spiegato che “il Ministero è al lavoro già da tempo per mettere in campo le misure necessarie a far fronte alle criticità che affliggono l’Ufficio Giudiziario” della Capitale e ha aggiunto che, “in virtù di una rinnovata politica di investimenti sulle risorse, in netta controtendenza rispetto al passato, nel 2019 è stato posto in essere uno sforzo senza precedenti in termini assunzionali sul duplice versante del personale amministrativo e di magistratura”.

Allegati