Bruno Pizzul “a tu per tu” con i detenuti della casa circondariale di Trieste

FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Dopo l’attrice Lella Costa, sarà il giornalista sportivo Bruno Pizzul a essere intervistato, domani pomeriggio,  dai detenuti della casa circondariale di Trieste coinvolti nel progetto “A tu per tu”, laboratorio di scrittura curato dalla cooperativa RESET e coordinato dallo scrittore Pino Roveredo.

Il progetto,  finanziato dal Comune di Trieste, prevede interviste a personaggi della cultura del sociale e della politica. Incontri ed esperienze delle precedenti edizioni sono stati pubblicati  nel volume A tu per tu,  antologia di sperimentazioni espressive, dal flusso di coscienza, alle lettere, ai racconti, ai disegni.

Pizzul, 81 anni, decano dei giornalisti sportivi italiani e per anni “voce” della Nazionale di calcio, incontrerà sia la redazione femminile  sia quella della sezione maschile, coordinate rispettivamente dalla web editor Lucia Vazzoler e dallo sceneggiatore Giuliano Caputi.