Formazione Polizia Penitenziaria: corso per sovrintendenti, modello da seguire

Gli allievi agenti del 175° corso di Polizia Penitenziaria prima della cerimonia per la Festa
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

L’Amministrazione Penitenziaria avvia una nuova fase di trasformazione digitale nella didattica indirizzata al personale del Corpo di Polizia Penitenziaria. Si è infatti conclusa con successo qualche giorno fa la IV edizione del “Corso per Sovrintendenti”, gestita interamente in modalità online dalla Scuola Superiore dell’Esecuzione Penale “Piersanti Mattarella” di Roma.

L’iniziativa formativa, partita il 12 aprile scorso, ha visto il coinvolgimento di ben 540 corsisti, suddivisi in 32 nuclei, e di 119 docenti, di cui 86 tra dirigenti penitenziari e del Corpo e altri 33 professionisti individuati tra psicologi e criminologi ex art. 80 dell’Ordinamento Penitenziario.

Il corso è stato progettato dalla Direzione generale della Formazione del DAP allo scopo di sostenere direttamente le Scuole e gli Istituti di istruzione impegnati, durante lo stato di emergenza pandemica, nella formazione in presenza degli allievi agenti. La formazione si è svolta tramite l’infrastruttura software di TEAMS e il portale telematico per la formazione a distanza Trio.

Ogni nucleo didattico, composto da un massimo di 18 frequentatori e coordinato da un tutor appositamente formato, è stato dunque inserito in un’aula virtuale all’interno della quale sono stati offerti i diversi contenuti appositamente concepiti per i sovrintendenti: lezioni frontali, in diretta e videoregistrate, videoconferenze tematiche, esercitazioni, discussioni e lavori di gruppo su casi pratici.

I risultati complessivi dei questionari di gradimento redatti dai corsisti, i molteplici feedback positivi forniti dai docenti nonché la struttura organizzativa estremamente agile – che ha impiegato complessivamente solo 10 unità del Corpo fra direttore del corso, tutor e segreteria didattica – hanno fatto della IV edizione del Corso Sovrintendenti una best practice di cui la Direzione generale della Formazione del DAP terrà conto nella pianificazione delle future attività formative.