La conferenza per una giustizia minorile sempre più ‘child-friendly’

FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Il 19 e il 20 ottobre si potrà assistere gratuitamente on line alla Conferenza ChiLLS (Children in Legal Language Settings: Challenges, Experiences, Promising Practices in the Best Interest of the Child) all’indirizzo https://chillsconference.eu/it/home/ 

L’evento è rivolto agli operatori interessati al delicato tema della garanzia dei diritti dei minori stranieri coinvolti in un processo penale.

Per la prima volta un gruppo internazionale di eminenti ricercatori, tra cui le italiane Amalia Amato e Gabriele Mack, docenti presso il Dipartimento di Interpretazione e Traduzione dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, ha affrontato peculiarità, problematiche e buone prassi della comunicazione con minori stranieri con l’ausilio indispensabile di un interprete o mediatore culturale, come prevede la normativa più recente ( Direttiva 2010/64/UE e l’articolo 6 della CEDU, Convenzione Europea del Diritti dell’Uomo).

Nel corso della Conferenza, co-finanziata dalla DG Giustizia e Diritti fondamentali della Commissione europea, nell’ambito del programma JUST-JACC-AG-2017, sarà data voce anche ad alcuni giovani che hanno vissuto direttamente l’esperienza dell’ascolto in un processo, mediato da un interprete, nell’ottica di una giustizia orientata a diventare sempre più partecipativa e child-friendly.

E’ prevista la traduzione simultanea in italiano. Per partecipare alla Conferenza on line è sufficiente registrarsi al seguente link https://chillsconference.eu/it/home/