Mafia, Cartabia: “Obiettivo il recupero delle imprese alla legalità”

La ministra Cartabia nel suo studio
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

“L’obiettivo deve essere il recupero dell’impresa alla legalità”. E per questo serve una “solida alleanza di tutte le istituzioni, tra Stato, comunità territoriale e attori economici”.

La Ministra della Giustizia, Marta Cartabia, parla della necessità di un approccio “terapeutico” nei confronti delle aziende sottratte alle mani criminali. “Una terapia va intesa per la durata opportuna e solo nella misura e nell’intensità necessaria”, spiega la Guardasigilli, intervenendo da remoto al corso di formazione, organizzato dall’Università di Palermo con Scuola superiore della magistratura e Direzione nazionale antimafia. Il tema: “Prevenire il condizionamento criminale dell’economia: dal modello ablatorio al controllo terapeutico delle aziende”.

“Negli ultimi anni, accanto all’aggressione dei capitali illecitamente accumulati, si è intensificato il ricorso a percorsi volti a spegnere subito il contagio delle organizzazioni criminali”, ha ricordato la Ministra, che ha parlato di un intervento “meno invasivo e più graduale”, affiancato a quello più forte. “L’obiettivo è calibrare le misure di prevenzione, senza distruggere il tessuto economico sano, ma favorendo la continuità dell’attività economica e il ritorno alla legalità dell’impresa, mediante prescrizioni che mirano a rafforzare le capacità reattive dell’organizzazione di fronte al rischio del condizionamento mafioso”.

E’ di sicuro una sfida impegnativa puntare su interventi graduali. E per questo, “occorre una solida alleanza di tutte le istituzioni, di tutti gli attori economici e di tutta la collettività, per realizzare fino in fondo – spiega la Ministra Cartabia – il percorso di recupero di tutto ciò che la criminalità organizzata ha sottratto ai cittadini”.

Tra gli obiettivi a cui puntare, la Guardasigilli cita la ricostituzione di una gestione patrimoniale efficiente, una cultura della sostenibilità e dell’inclusione. “Lo spirito – ha spiegato – deve essere aggredire la ricchezza illecita per restituirla alla prosperità e alla società civile”. Un compito ancor più necessario oggi, con molti settori economici in sofferenza per i postumi della pandemia, ma anche in un momento in cui stanno per arrivare i fondi del Pnrr. “C’è un nuovo fermento sociale, c’è un desiderio di ripartire e questo- conclude la Ministra Cartabia – è il primo vaccino contro il contagio delle mafie”.

In allegato il discorso della Ministra e l’audio dell’intervento.

Allegati