Piediluco/2 La giornata (particolare) dei giovani di Casal del Marmo

FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

La giornata di ieri di certo i ragazzi dell’istituto penale per minorenni di Roma non la dimenticheranno facilmente. Accompagnati da alcuni agenti di polizia penitenziaria, dagli educatori, dal comandante dell’istituto Sabina Colacicchi, dalla direttrice dell’istituto Liana Giambartolomei, dalla dirigente dell’Ufficio I° della DGPRAM Silvia Mei e dal magistrato Giacomo Ebner hanno visitato il Centro Nazionale di Preparazione Olimpica della Federazione Italiana di Canottaggio di Piediluco.

Le ragazze e i ragazzi hanno potuto assistere agli allenamenti in barca, nelle acque del lago, effettuati dagli atleti azzurri che si stanno preparando per il mondiale under 23, che si terrà a Sarasota in Florida, e per gli assoluti di Linz, in Austria, gentilmente accolti dal consigliere Michelangelo Crispi, dal segretario generale Maurizio Leone e dal direttore tecnico Francesco Cattaneo.

Successivamente nella sala delle conferenze del centro hanno assistito alla proiezione di un breve video sulla storia della Federcanottaggio e hanno potuto incontrare gli atleti Anila Hoxha, Stefania Gobbi, Sara Bertolasi, Alessandra Patelli, Marco di Costanzo e Enrico d’Aniello, che hanno risposto ai loro quesiti.

Non sono mancati i saluti: il benvenuto del presidente federale, Giuseppe Abbagnale, e i messaggi del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e del capo del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità, Gemma Tuccillo.

Sia i ragazzi che le ragazze hanno potuto provare l’emozione di una competizione gareggiando tra di loro nella sala remo-ergometri, grazie alla disponibilità di Bruno Mascarenhas e Michelangelo Crispi che hanno preparato le due disfide. Prima del pranzo, offerto dalla federazione, sono stati distribuiti gadget sia ai minori che agli accompagnatori. Una giornata indimenticabile per i ragazzi e le ragazze, per gli accompagnatori e per i dirigenti federali che si sono dimostrati particolarmente attenti agli ospiti e sono riusciti a trasmette tutta la loro umanità.