‘Più libri, più liberi’, la consegna dei volumi alla Giustizia Minorile

Più libri più liberi
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Consegnati oggi al capo del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità, Gemma Tuccillo, i libri destinati ai giovani ospiti dei 17 istituti minorili in occasione della 20a edizione della Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria.

I promotori hanno dato vita a una iniziativa speciale, dedicando emblematicamente la giornata del 7 dicembre alle strutture minorili e al valore trattamentale della lettura come espressione del tema scelto dal festival, che è quello della libertà, “Più libri, più liberi”.

Più libri più liberi

In rappresentanza dell’Amministrazione, il capo DGMC  e i direttori dei 17 IPM hanno ricevuto in dono varie opere letterarie destinate ai ragazzi: tutti i volumi recano una dedica personale dei testimonial dell’evento, italiani e internazionali, a significare il valore dei libri che contribuiscono a liberare ed elevare l’animo dei lettori.

La cerimonia di consegna è stata presentata dalla giornalista Alessandra Sardoni, con l’intervento dello scrittore Gianrico Carofiglio, già procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, e di Sasà Striano, che è stato attore di ‘Cesare deve morire‘ dei fratelli Taviani e che ha voluto salutare i ragazzi in collegamento dagli istituti, così: “L’anagramma di CARCERE è CERCARE: cercare dentro di loro la libertà , il loro star bene, programmare il loro futuro. Ora che si trovano ai box, al pit stop, devono sfruttare tutto il tempo nel migliore dei modi, per cercare di uscire delle persone migliori”.

Nel corso dell’evento, Gemma Tuccillo ha messo in evidenza il significato dell’iniziativa per l’Amministrazione della giustizia: “La lettura e il libro sono un segmento fondamentale per la formazione di crescita, il libro consente di essere libero su più fronti: consente di viaggiare e di immedesimarti su tante funzioni che non potresti svolgere, ti riconosce una compagnia ed è un completamento necessario alla formazione”. E proprio per questo ha portato un libro, che per lei è stato molto importante e che ha voluto simbolicamente donare a tutti loro: si tratta di Braci di Sandor Marai, “un libro che racchiude tutti i sentimenti nei quali” dice Gemma Tuccillo “ho sempre maggiormente creduto: c’è l’amicizia, l’amore, la lealtà, il tradimento. C’é la consapevolezza dell’importanza del perdono”.

La Fiera è tornata in presenza dopo un anno di interruzione a causa della pandemia: 484 espositori e oltre 400 appuntamenti in programma nell’edizione 2021, che si tiene dal 4 all’8 dicembre nel Centro Congressi “La Nuvola”, a Roma-Eur.