‘Legalità e merito’, Cartabia: “Valori che nelle scuole generano sicurezza sociale”

Luiss, 6giu22 - Gemma Tuccillo
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

“La diffusione dei valori della legalità, con modalità così efficaci e coinvolgenti nel mondo della scuola e nei contesti in cui la stessa è troppo spesso trascurata, rappresenta uno strumento di educazione e risocializzazione che genera inclusione e sicurezza sociale. La promozione della cultura della legalità consente ai giovani di ponderare scelte di vita maggiormente ispirati ai valori  della solidarietà e della giustizia“. Così la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, nel  messaggio di saluto inviato alla cerimonia conclusiva della V edizione del progetto ‘Legalità e merito’, che si è tenuta alla Luiss – Libera università internazionale degli studi sociali ‘Guido Carli’.

Il progetto, che ha visto la partecipazione della capo Dipartimento della Giustizia minorile e di comunità, Gemma Tuccillo, ha coinvolto studentesse e studenti di 18 istituti scolastici su tutto il territorio nazionale ma anche gli istituti penali per minorenni di Torino, Bologna, Caltanissetta e Quartucciu e quelli degli Uffici del servizio sociale di Trieste, Roma e Palermo, che hanno partecipato in presenza o da remoto. Nato nel 2017, è stato rinnovato quest’anno con la sottoscrizione del nuovo protocollo d’intesa, siglato dai ministri della Giustizia, Marta Cartabia, dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca, dal vice presidente del Consiglio superiore della magistratura, dal procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, dal presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione e dalla vicepresidente della Luiss.

I ragazzi degli istituti minorili coinvolti, hanno lavorato in gruppo su specifici progetti per la promozione e la diffusione della cultura e della legalità nelle sue diverse accezioni: dalla cittadinanza attiva al contrasto alle mafie e alla corruzione, dall’immigrazione al processo di integrazione europea, dalla lotta al terrorismo alla conservazione del patrimonio artistico-culturale e ambientale.

“La scuola è e resta luogo privilegiato di incontro sui temi della legalità e svolge un ruolo insostituibile nel diffondere difese immunitarie contro la criminalità e le discriminazioni. La scuola, a fianco di magistratura e forze dell’ordine, è il baluardo della resistenza a ogni forma di mafia e corruzione; è la nostra speranza per la costruzione di un futuro migliore, un futuro di benessere, giustizia, sicurezza e serenità”, prosegue il messaggio della Guardasigilli.

Sono stati premiati i progetti e gli studenti più meritevoli: conferite borse di studio a coloro che sono stati ammessi alla frequenza di corsi di laurea, triennali o magistrali, e agli studenti liceali perché possano partecipare alle scuole estive di orientamento universitario. In alcuni istituti penali per minorenni e Uffici di servizio sociale saranno organizzate sessioni di Summers school. Il progetto ‘Legalità e merito nelle scuole’ ha anche ispirato “Rebibbia lockdown”, il film realizzato da Rai Cinema, uscito nel settembre 2021.