Provini estradato dagli Emirati Arabi, Bonafede: risultato storico

Alfonso Bonafede
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

E’ atterrato nel primo pomeriggio in Italia con un volo proveniente da Abu Dhabi. E’ terminata così la latitanza di Luigi Provini, destinatario nel 2016 di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Monza. L’operazione di estradizione è avvenuta grazie alla collaborazione con le autorità degli Emirati Arabi. “Provini – ha scritto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede su facebook – era ricercato per associazione a delinquere finalizzata a commettere una serie indeterminata di delitti di riciclaggio, appropriazione indebita, frode fiscale ed emissione di false fatture, reati commessi in Italia, Gran Bretagna, Panama, Svizzera e Dubai dal 2007 al 2014. Le Autorità degli Emirati Arabi ne hanno, infatti, autorizzato l’estradizione concedendo il rimpatrio in Italia”.

“Si tratta – aggiunge il Guardasigilli – di un primo tangibile risultato, che definirei storico, frutto degli accordi internazionali entrati in vigore lo scorso aprile. Ringrazio tutti coloro che si sono impegnati in questa operazione. Come sempre: nessuno può pensare di sfuggire alla giustizia italiana”.