Livorno: i detenuti puliscono città e litorale

Filippo Nogarin, sindaco di Livorno, e Francesco Basentini, capo del Dap
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Detenuti al lavoro anche a Livorno, dove presto si occuperanno della pulizia della città e delle spiagge del litorale. Lo prevede il Protocollo d’intesa firmato oggi presso la Casa Circondariale del Comune toscano, alla presenza del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Francesco Basentini.

L’intesa è stata sottoscritta dal Provveditore regionale per la Toscana e l’Umbria Antonio Fullone, dal sindaco della città Filippo Nogarin, dalla responsabile dell’Ufficio di sorveglianza di Livorno Paola Boni e dal Garante comunale dei diritti dei detenuti Giovanni De Peppo. L’obiettivo è quello di promuovere tutte le iniziative utili allo sviluppo di lavori di pubblica utilità e, in prospettiva, di attività lavorative in favore della popolazione detenuta, al fine di ridurre il rischio di recidiva e di recuperare e reinserire queste persone nel consesso civile.

La sinergia fra Amministrazione Penitenziaria, magistratura di sorveglianza ed enti territoriali provvederà a rendere concrete queste possibilità di recupero, individuando percorsi di riabilitazione e reinserimento in favore di soggetti condannati a pena definitiva che, attraverso tale impegno, possano contribuire a riparare il danno che con i loro reati hanno causato alla società.

I percorsi che saranno individuati saranno finalizzati al recupero e alla manutenzione di beni comuni della città, alla pulizia e al decoro delle spiagge e delle coste, nonché alla valorizzazione di beni culturali civici. Le modalità esecutive di tali progetti e gli obblighi assicurativi in favore dei detenuti saranno definiti in protocolli successivi, che indicheranno inoltre il numero di detenuto impiegati e le forme di sussidi o di rimborsi spese appositamente finanziati dalla Cassa delle Ammende nell’ambito dei lavori di pubblica utilità.

Allegati