A Milano Opera lo spettacolo continua:
detenuti in scena il 24 e il 25 novembre

Opera_liquida
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Nella casa di reclusione di Milano Opera c’è un teatro che, da 13 anni, vede i detenuti entrare in scena e dare spettacolo.

Il 24 e il 25 novembre ospiterà due eventi: “Pinocchio” e “Noi guerra! Le meraviglie del nulla”. Due le compagnie coinvolte: Corpi Bollati, con i giovani detenuti del carcere di Bollate, e Opera Liquida, formata da persone recluse nella casa circondariale meneghina.

Nel “Pinocchio“, primo spettacolo interamente ideato e gestito dai detenuti, in programmazione il 24 novembre alle 20, gli attori vestiranno i panni del famoso burattino di Collodi. ‘Corpi Bollati’ è la compagnia guidata da Carlo Bussetti, ex detenuto che si è diplomato in carcere e che ha proseguito l’attività artistica con molte attività culturali, tese a creare una connessione tra interno ed esterno del carcere.

Corpi Bollati
La compagnia Corpi Bollati

Il 25 novembre alle 20 tocca a “Noi guerra! Le meraviglie del nulla“. ‘Opera Liquida’, sotto la guida della direttrice artistica Ivana Trettel, mette in scena uno spettacolo corale, che raccoglie le riflessioni contro la guerra maturate dalle persone detenute; riflessioni che, con lo scoppio del conflitto in Ucraina, rivelano tutta la loro triste attualità.

«”Le meraviglie del nulla” sono i travestimenti, il belletto preciso e stantio di cui rivestiamo la realtà, per sopportarla, rileggerla e giustificarla», si legge nella pagina web che descrive lo spettacolo. Un modo per «confrontarsi con il conflitto» e indagare «sull’assurdità dell’odio». ‘Opera Liquida’ è un progetto che non prevede solo la presenza di una compagnia teatrale, ma anche laboratori “sui mestieri del teatro” per scenografi e costumisti.

Opera liguida
Scene da “Noi guerra! Le meraviglie del nulla”. Credit: Marcello Buonanno Seves

Gli spettacoli nella casa di reclusione di Milano Opera si svolgono durante una tre giorni di masterclass che coinvolge i professori degli atenei di Bologna, Pavia, Lumsa e Cattolica di Milano. I partecipanti possono scoprire il retroscena degli spettacoli, assistere alle prove e confrontarsi con gli attori e i curatori dei diversi laboratori.

Gli eventi sono aperti al pubblico ed è possibile prenotare i biglietti fino al 21 novembre sul sito di Opera Liquida.

Credit immagine di copertina: Laila Pozzo