Camorra, ditta raccolta rifiuti di Afragola vittima di estorsione

FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Il Gip del Tribunale di Napoli ha disposto la custodia cautelare in carcere nei confronti di due presunti appartenenti a un clan camorristico operante nel Napoletano, nei territori dei comuni di Casoria, Afragola, Caivano, Crispano e zone limitrofe. L’indagine condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia e affidata ai carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna ha accertato infiltrazioni criminali nel settore della raccolta dei rifiuti, portando a un’accusa di estorsione aggravata ai danni di una ditta di Afragola: i titolari dell’impresa sarebbero stati costretti a versare una tangente di 3 mila euro settimanali.