Da dipendenze patologiche a dipendenze generative: è possibile

FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Parte oggi presso l’Azienda Sanitaria Provinciale di Caltanissetta, e seguirà il 22 ottobre ad Enna, il progetto “Trasformare dipendenze patologiche in dipendenze generative”.

Il programma prevede la promozione di interventi di prevenzione e trattamentali, con la presa in carico individuale e di gruppo, dei soggetti sottoposti a misure e sanzioni di comunità, affetti da dipendenza da sostanze e di natura comportamentale, tecnologica e sessuale (droga, alcol, gioco d’azzardo, internet o social media e dispositivi elettronici, pornografia …). Per questi ultimi sono previsti percorsi di formazione e sostegno, allargati anche ai familiari, e l’attivazione di trattamenti specialistici da parte dei Ser.T. Il percorso informativo, rivolto a studenti delle quinte classi delle scuole superiori per i quali sono previsti percorsi di informazione, è articolato su quattro giornate per ogni modulo di lavoro.

L’iniziativa è frutto del protocollo d’intesa siglato il 13 ottobre scorso tra l’Ufficio di esecuzione penale di Caltanissetta-Enna, l’U.O.C. Dipendenze patologiche delle Aziende sanitarie provinciali di Caltanissetta e di Enna, la Polizia Stradale e la Polizia Postale di Caltanissetta e di Enna, l’Associazione “Casa Famiglia Rosetta” e l’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada (AIFVS onlus) di Caltanissetta.

Le azioni da implementare sia nelle scuole sia nelle comunità vedono come elementi innovativi il coinvolgimento della Polizia postale, che effettuerà azioni a sostegno sia della prevenzione primaria che secondaria nelle scuole e nei gruppi target dei soggetti ammessi alle misure e sanzioni di comunità e l’arteterapia come strumento terapeutico e riabilitativo dei soggetti target.

Allegati