Carta europea dei diritti fondamentali, Italia in prima fila a Bruxelles

Prof.ssa Palmina Tanzarella: punto di contatto nazionale per la Carta UE dei diritti fondamentali
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Lo scorso 17 settembre, la prof.ssa Palmina Tanzarella ha raggiunto Bruxelles in visita ufficiale per un incontro con l’ufficio della Commissione europea preposto alla trattazione dei diritti fondamentali. È la prima missione della Prof.ssa Tanzarella, in qualità di «punto di contatto nazionale» per la Carta europea dei Diritti fondamentali, che vede l’Italia tra i primi Stati europei ad essersi avvalso di questa possibilità: un riferimento nazionale per promuoverne la conoscenza e l’applicazione.

il Coordinatore GAI Gianluca Brusco e la Prof.ssa Palmina Tanzarella, nella sede della delegazione italiana
Il Coordinatore GAI Gianluca Brusco e la Prof.ssa Palmina Tanzarella, nella sede della delegazione italiana

La missione è stata anche l’occasione per salutare il Rappresentante Permanente, l’Ambasciatore Pietro Benassi, nella sede della delegazione italiana a Palazzo Europa. Palmina Tanzarella ha anche incontrato il Cons. Gianluca Brusco, coordinatore del settore Giustizia e Affari Interni, alla Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione europea. È stata anche l’occasione per discutere della “strategia europea per i diritti dei bambini”, al centro delle priorità del Ministero della giustizia. Con la designazione del punto di contatto nazionale, la Ministra Cartabia testimonia, ancora una volta, l’attenzione rivolta al tema dei diritti fondamentali. Nell’incontro con la Commissione europea, Tanzarella non ha mancato di osservare che:la pandemia ha messo ancora più a rischio i diritti fondamentali, soprattutto per i soggetti più vulnerabili, in particolare i bambini”. Da qui l’impegno, per il futuro, a dare al ruolo assunto un significato concreto di supporto e aiuto.