“Viaggio nelle carceri” della Corte costituzionale: è la volta di Bologna

FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Nell’ambito del progetto Viaggio in Italia: la Corte costituzionale nelle carceri domani dalle ore 14.30, il giudice della Corte costituzionale Giovanni Amoroso incontrerà le detenute e i detenuti della Casa Circondariale “Rocco d’Amato” di Bologna.

Il Viaggio nelle carceri, iniziato il 4 ottobre 2018 a Roma nel carcere di Rebibbia – Nuovo complesso, dopo le tappe di Milano (San Vittore), Nisida (Istituto penale per minorenni), Terni (Casa circondariale), Genova (Marassi – Casa circondariale), Lecce (Casa circondariale sezione femminile), Firenze (Casa circondariale di Sollicciano), Potenza (Casa circondariale Antonio Santoro), Padova (Casa di reclusione N.C.) e Napoli (casa Circondariale di Secondigliano) fa tappa nella sala della Chiesa Nuova dell’Istituto penitenziario di Bologna.

Come nelle altre tappe, il Giudice terrà una lezione partendo da un “frammento di Costituzione” per poi rispondere alle domande che detenute e detenuti vorranno rivolgergli. Questa volta l’argomento sarà “concorrere al progresso materiale o spirituale della società”.

Il progetto Viaggio nelle carceri, avviato dalla Corte Costituzionale l’8 maggio 2018 e presentato il 26 settembre, è nato per rispondere all’esigenza di aprire sempre di più l’Istituzione alla società e incontrarla fisicamente per diffondere la cultura costituzionale. Con la scelta del carcere – come spiegato in una nota della Consulta – la Corte intende anche testimoniare che la “cittadinanza costituzionale” non conosce muri perché la Costituzione “appartiene a tutti”.