Finalmente ritornano: il “Vaso di Fiori” il 19 luglio nelle Gallerie degli Uffizi

Una parte del dipinto "Vaso di fiori" trafugato dai soldati nazisti da Firenze nel 1944
FacebookTwitterWhatsAppEmailCopy Link

Il Vaso di Fiori, del pittore Jan van Huysum, rubato a Firenze nel 1944 durante la ritirata delle forze di occupazione tedesche, torna a casa dopo 75 anni. Ad annunciarlo è il ministro per i Beni culturali Alberto Bonisoli.

Il rientro in Italia del dipinto è previsto il prossimo 19 luglio e sarà nuovamente esposto nella Galleria di Palazzo Pitti. Un olio su tela di piccole dimensioni, opera tra le più significative e preziose che mancava dagli Uffizi, che tornerà nel nostro Paese grazie a un’attenta diplomazia culturale costruita tra Italia e Germania e al lavoro del Comitato per il recupero e la restituzione dei beni culturali che il ministro Bonisoli ha riattivato e esteso, prevedendo anche la partecipazione di rappresentanti del Ministero degli Esteri e del Ministero della Giustizia.

Soddisfazione è stata espressa da Eike Schmidt, direttore del museo fiorentino e autore di un appello di forte impatto alla Germania per la restituzione del quadro. Già alla fine di gennaio il governo tedesco aveva manifestato l’intenzione di accogliere l’appello. “Una grande vittoria non solo per tutta l’Italia, ma per l’umanità”, così Schmidt ha commentato l’atteso rientro.